Notizia - Proteste a Hong Kong del 2019-2020

Notizia  >  Proteste a Hong Kong del 2019-2020

Proteste a Hong Kong del 2019-2020

Le proteste a Hong Kong del 2019-2020 sono una serie di manifestazioni in corso a Hong Kong iniziate il 15 marzo 2019 contro il disegno di legge sull'estradizione di latitanti verso paesi dove non vi sono accordi di estradizione.

Le proteste sono sorte per timori che tale legislazione avrebbe violato la linea di demarcazione tra i sistemi legali/giuridici (noti anche come "un paese, due sistemi") tra Hong Kong e la Cina continentale, sottoponendo i residenti di Hong Kong e quelli che passavano per la città alla giurisdizione de facto dei tribunali controllati dal Partito Comunista Cinese. Il disegno di legge è stato proposto per la prima volta dal segretario alla sicurezza John Lee nel febbraio 2019. Demosistō ha organizzato un sit-in di protesta al Complesso del governo centrale il 15 marzo, è stata la prima protesta contro il disegno di legge di estradizione. La prima processione è avvenuta il 31 marzo con una partecipazione di manifestanti. Il movimento ha acquisito maggiore slancio a seguito di una seconda processione il 28 aprile, attirando circa persone secondo la polizia, mentre gli organizzatori ne hanno rivendicati.

A partire da giugno, sono seguite molte manifestazioni, alcune delle quali hanno attirato centinaia di migliaia di persone. La protesta del 9 giugno ha visto la partecipazione di 240.000 persone secondo fonti della polizia, oltre 1 milione di persone secondo gli organizzatori. Il 12 giugno, il giorno in cui il governo aveva tentato di presentare il disegno di legge per la sua seconda lettura, le proteste fuori dal quartier generale del governo si sono trasformate in violenti scontri. Le accuse di forza eccessiva utilizzate dalla polizia hanno messo a dura prova il rapporto tra polizia e manifestanti, stampa e professione medica; la responsabilità per la brutalità della polizia è diventata una delle richieste dei manifestanti nelle successive proteste. La marcia di protesta del 16 giugno ha visto la partecipazione di quasi 2 milioni di persone, secondo gli organizzatori; fonti di polizia hanno stimato manifestanti.

Mentre la città festeggiava il 22º anniversario della indipendenza britannica avvenuta nel 1997, la marcia di protesta contro il governo organizzata da gruppi per i diritti civili ha avuto un'affluenza record di, mentre la polizia ne ha stimato circa. Separatamente, centinaia di giovani manifestanti hanno preso d'assalto il Consiglio legislativo e hanno deturpato i simboli associati alla Repubblica popolare cinese e elementi pro-Pechino all'interno dell'edificio. Il 9 luglio, il capo esecutivo Carrie Lam ha dichiarato "morto" il disegno di legge sull'estradizione, usando un'ambigua frase cantonese che può essere tradotta come "morire di una morte pacifica". Ha definito gli sforzi effettuati per far modificare la legge un "fallimento totale". Lam non ha assicurato, tuttavia, che il disegno di legge sarebbe stato completamente ritirato o che qualsiasi altra richiesta dei manifestanti sarebbe stata presa in considerazione. Da luglio, l'ondata di proteste è continuata e alcune manifestazioni si sono intensificate e trasformate in scontri tra polizia, attivisti pro-governativi, pro-Pechino e residenti locali. Alla luce delle proteste in corso, diversi paesi hanno emesso delle avvisaglie ai viaggiatori verso Hong Kong.

Durante un'intervista rilasciata venerdì 19 luglio, alcuni consiglieri di Carrie Lam hanno dichiarato che non verranno date ulteriori concessioni ai manifestanti e che Lam non si dimetterà.

Le proteste sono state in gran parte descritte come "senza guida" e i manifestanti hanno usato varie tattiche per fare pressione sul governo, che, insieme alla polizia, ha ottenuto un punteggio di approvazione più basso dal passaggio del 1997 in base a dei sondaggi.

Il governo cinese centrale ha indicato di vedere le proteste come la "peggiore crisi di Hong Kong" dopo il passaggio di sovranità del 1997. Le proteste hanno provocato due morti, e diversi suicidi.

Paese (area geografica)

Hong Kong

Hong Kong (pr. cantonese cinese, pr. italiana ; in mandarino ) è, come Macao, una regione amministrativa speciale della Cina.

Situata sulla costa meridionale della Cina tra il delta del fiume delle Perle e il Mar Cinese Meridionale, la città è famosa per la sua preponderante skyline e per il profondo porto naturale. Con una superficie di 1.104 km 2 e una popolazione di sette milioni di persone, Hong Kong è una delle aree più densamente popolate del mondo. Il 95% della popolazione di Hong Kong è di etnia cinese, mentre il restante 5% appartiene agli altri gruppi. Il gruppo etnico cinese maggioritario della città, gli Han, ha origine principalmente nelle città di Canton e Taishan nella vicina provincia del Guangdong.

Photograph

-Accuse di cattiva condotta della polizia-DSCF0444 (48993402288)
Accuse di cattiva condotta della polizia
DSCF0444 (48993402288)
-Tattiche e metodi-P1110393 (48851461613)
Tattiche e metodi
P1110393 (48851461613)
-Tattiche e metodi-Flag of Hong Kong (Black Bauhinia with wilted petals variant)
Tattiche e metodi
Flag of Hong Kong (Black Bauhinia with wilted petals variant)
-Tattiche e metodi-Tai Po Market Station underground tunnel Lennon Wall 20190709
Tattiche e metodi
Tai Po Market Station underground tunnel Lennon Wall 20190709
-Durante gli scontri-DSCF1540 (49037258931)
Durante gli scontri
DSCF1540 (49037258931)
-Frana elettorale e proteste di Natale-IMGP1850 (49151831526)
Frana elettorale e proteste di Natale
IMGP1850 (49151831526)
-Intensificazione e assedi delle università-DSCF5290 (49094872852)
Intensificazione e assedi delle universi...
DSCF5290 (49094872852)
--Hong Kong anti-extradition bill protest (48108594957)

Hong Kong anti-extradition bill protest (48108594957)
-Prime proteste-Harcourt Road tear smoke view1 20190612
Prime proteste
Harcourt Road tear smoke view1 20190612
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020
Proteste a Hong Kong del 2019-2020

Linguaggio

2019–20 Hong Kong protests (English)  Proteste a Hong Kong del 2019-2020 (Italiano)  Protesten in Hongkong in 2019 (Nederlands)  Manifestations de 2019-2020 à Hong Kong (Français)  Proteste in Hongkong 2019/2020 (Deutsch)  Protestos em Hong Kong em 2019–2020 (Português)  Протесты в Гонконге против законопроекта об экстрадиции (Русский)  Protestas en Hong Kong de 2019-2020 (Español)  Protesty w Hongkongu (Polski)  反對逃犯條例修訂草案運動 (中文)  Demonstrationerna i Hongkong 2019 (Svenska)  Protestele din Hong Kong din 2019 (Română)  2019年-2020年香港民主化デモ (日本語)  Протести в Гонконзі (Українська)  2019–2020년 홍콩 시위 (한국어)  Hongkongin vuoden 2019 protestit (Suomi)  Unjuk rasa Hong Kong 2019-2020 (Bahasa Indonesia)  Demonstrationerne i Hongkong 2019-2020 (Dansk)  Demonstrace v Hongkongu (Česky)  2019 Hong Kong iade yasa tasarısı protestoları (Türkçe)  Протести у Хонгконгу 2019/20. (Српски / Srpski)  2019. aasta Hongkongi meeleavaldused (Eesti)  2019-es hongkongi tüntetések (Magyar)  การประท้วงในฮ่องกง พ.ศ. 2562–2563 (ไทย)  Διαδηλώσεις στο Χονγκ Κονγκ (Ελληνικά)  Biểu tình tại Hồng Kông 2019–2020 (Tiếng Việt) 
 mapnall@gmail.com